Frattura diafisaria omero

Esiti frattura diafisaria omero destro operato in altra sede con chiodo endomidollare. Il paziente giunge dal Dott. Piscitelli dopo 5 mesi con elevazione anteriore e abduzione attiva e passiva non oltre i 30 gradi, per via del fatto che il chiodo è palesemente alto e quindi crea un impingement.

L’intervento di rimozione del chiodo è avvenuta con successo con il conseguente sblocco con recupero completo del movimento dell’arto da parte del paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *